mercoledì 23 maggio 2012

2.



L'idea è di inventare delle nuove storie ispirate dalle e alle opere dei grandi architetti di ieri-oggi e domani, per condividere con voi un'altra passione...con un pizzico di ironia!

Le Corbusier

Charles-Edouard Jeanneret-Gris aveva tanti nomi ma un solo sogno: sapere cosa reggessero le nuvole. Ci pensava di continuo e spesso restava l'intero giorno con il naso per aria pur di vedere qualcosa che potesse rivelargli questo mistero. Una mattina all'alba, stanco di esser preso in giro dai suoi colleghi architetti, urbanisti, pittori e designer, decise di incollare degli stecchini per spiedini sotto le scarpe e salire su tutte le sedie che lui stesso aveva costruito, pur di raggiungere le nuvole. Sarà stata la grande determinazione o chissà quale strana combinazione di astri, quella volta riuscì a toccare il cielo e vedere che quei leggeri batuffoli bianchi in realtà nascondevano delle graziose casette dai tetti colorati e fioriti. Incredulo, spaesato e apparentemente delirante, Le Corbusier voleva capirci di più su quella stramba usanza e così bussò ad una porta...Un omino gli disse che sulle nuvole l'erba non ce la faceva proprio a crescere; ogni semino piantato finiva per perdersi in qualche posto lontano ma gli abitanti continuavano ancora a provarci ed era per vedere dove andassero a finire che le case avevano lunghe finestre su tutti e quattro i lati. Ascoltava e disegnava ma non riusciva quasi a crederci...eppure era tutto sotto i suoi occhi! 
Tornato sulla terra decise immediatamente di progettare delle case tutte nuove che avrebbero avuto:
1- gli stecchini anche loro (che altri poi chiamarono pilotis), per ricordarsi di quanto vicino fosse il cielo; 2- tante finestre per far entrare la luce e perdersi ammirando le stelle; 3- il giardino sul tetto, per raccogliere quei semini caduti dalle nuvole e custodire per sempre un segreto.

10 commenti:

  1. Ci speravo facessi Le Corbusier, è uno dei miei preferiti (forse IL preferito). Studi architettura?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da cosa lo hai capito?!...ihiihih...essendo IL tuo preferito, spero ti sia piaciuta la storiella delle nuvole per spiegare il perché dei fiori sui tetti...1 sorriso

      Elimina
  2. Ti ho scritto una mail dal forum di Illustrarte, spero ti arrivi!

    RispondiElimina
  3. Ma che carina! Hai una bella fantasia, brava!

    RispondiElimina
  4. grazie di cuore e tanti sorrisi!

    RispondiElimina
  5. Ma che bella storia, quasi quasi ci credevo! Mi fai sempre sorridere, venire qui è il modo più immediato per tirarsi su il morale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, mi piace pensare che i miei post siano un rimedio omeopatico contro la tristezza!
      1,2,3...sorrisi

      Elimina
  6. che bello questo!!!:-)
    ho un nuovo premio per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!!!...corro a capire di che si tratta...

      Elimina