mercoledì 6 giugno 2012

3.

L'idea è di inventare delle nuove storie ispirate dalle e alle opere dei grandi architetti di ieri-oggi e domani, per condividere con voi un'altra passione...con un pizzico di ironia!

Frank Lloyd Wright


Ogni bambino suo coetaneo aveva una casa sull'albero ma lui aveva deciso di non voler fare come gli altri e si era costruito una casetta tutta spigolosa su un piccolo ruscello, che ai suoi occhi sembrava una cascata.  Passava interi pomeriggi in compagnia del fruscio dell'acqua e del tintinnio di uno scacciapensieri fatto da tante conchiglie rosa pallido. Quella che preferiva più di tutte era grande, dalla forma insolita e accostandola all'orecchio poteva sentire il mare, già il mare...che il piccolo Frank aveva visto una sola volta.

Quando fu costretto ad abbandonare la sua casetta per trasferirsi in una nuova città, anch'essa molto lontana dall'oceano, portò con se la preziosa conchiglia.

Qui si accorse che non solo lui aveva nostalgia del mare e che molti bambini non avevano nemmeno la sua fortuna...ascoltare la sua voce dalle profondità di una conchiglia. Allora si disse: "Da grande ne costruirò una enorme, tutta bianca, incastonata al centro della città...per me e per tutte le persone che solo nel rassicurante suono delle onde e nell'abbraccio dell'orizzonte riescono a sentirsi a casa e a sorridere!"


Aggiorno il post inserendo questo disegno-schizzo originale di F. L. Wright (trovato questa mattina in uno dei miei viaggi per il web)...





è proprio rosa-conchiglia, forse le mie storielle non sono poi tanto lontane dalla realtà!!!
1 sorriso

7 commenti:

  1. Eh eh... mi piace la sua espressione! a parte la casa sulla cascata non conosco altre sue opere... vado a controllare cos'è l'edificio-conchiglia ;)

    RispondiElimina
  2. AAAhhh...il guggenheim! ...non sapevo l'avesse fatto lui...vedi che'gnoranza... :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. adesso, non potrai più dimenticarlo! = )

      Elimina
  3. Questo è il mio architetto preferito, qui a LA ci sono diverse case sue, una in stato terribile ma pare che finalmente qualcuno l'abbia comprata ed abbia intenzione di restaurarla. Ho visitato un paio di volte Hollyhock House....una meraviglia.
    Questa tua serie sugli architetti è una delizia, fantastico riuscire ad immagina cosa possono avere sognato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi piacerebbe tanto visitare le sue opere...la forma del guggenheim mi ha sempre affascinata! Sono contenta che questo esperimento ti piaccia!

      Elimina
  4. Bel racconto e mi piace molto anche l'illustrazione di Wright!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da una scrittrice e lettrice appassionata come te è un MEGA complimento!!! GRAZIE! ^___^

      Elimina